Molisiamo

Il Molise che non ti aspetti

Un itinerario nel Molise da Termoli a Campobasso

17 settembre, 2012 • Itinerari ed escursioni

Spesso per fare qualcosa di diverso e dare un senso a delle domeniche che si prospettano eccessivamente noiose, ci mettiamo in macchina e sperimentiamo un particolare itinerario nel Molise. Scoprendo di volta in volta qualcosa di nuovo sulla nostra piccola ed affascinante regione. Stavolta decidiamo di approfittare del bel tempo ed iniziare il nostro personalissimo itinerario partendo da Termoli.

ITINERARIO NEL MOLISE

 

TERMOLI

Dovremmo esserci abituati ormai, eppure quando si arriva a Termoli si resta sempre un po’ colpiti dall’atmosfera che si respira in questo piccolo borgo marinaro. Avendo parcheggiato sul lungomare è d’obbligo una bella passeggiata, incrociando la gente del posto che già si gode un’aria mite e piacevole, pregustando l’arrivo dell’estate.

Facciamo una scappatina sulla sabbia per sentirne la consistenza sotto i piedi, una sensazione che risveglia i ricordi di tante estati passate qui e i più coraggiosi si immergono fino alle caviglie nell’acqua ancora gelida. Una bella spiaggia, che non a caso è stata più volte premiata con la famosa Bandiera Blu.

Ci incamminiamo a questo punto verso il centro storico, come sempre molto affascinante con tutti i suoi vicoletti e le stradine disseminate di negozietti, bar e ristoranti tipici. Il sole è abbastanza caldo e un gelato ci sembra il modo migliore per festeggiare questo primo giorno di quasi estate.

Prima di proseguire con il nostro piccolo tour decidiamo di fermarci presso il Castello Svevo, ovvero la struttura simbolo della città, caratterizzata da uno stile semplice e lineare e costruito, intorno al XI secolo, con arenaria e pietra calcarea.

LARINO

Ci rimettiamo in macchina diretti verso Larino, un piccolo comune che dista da Termoli circa 25 km, quindi una ventina di minuti con l’auto, e mentre ammiriamo i campi di ulivo e le chiese d’epoca che ci ritroviamo davanti, Davide ci sta già raccontando numerosi aneddoti della sua infanzia legati a questo posto.

Decide di farci da cicerone e ci mostra alcune preziose testimonianze dell’età romana e strutture di antichissimo valore delle quali noi altri, ignoravamo completamente l’esistenza. Come il Palazzo Ducale, nel quale sono conservati dei pregiati mosaici pavimentali di epoca imperiale. Bellissimo anche l’Anfiteatro, risalente addirittura alla fine del I secolo d. C.

CAMPOBASSO

Decidiamo di tornare verso casa e tra musica e risate percorriamo con l’auto circa 55 km. Affamati ancora di paesaggi e di atmosfere particolari, non possiamo non fermarci sui monti, un luogo che bene o male è legato ai precisi ricordi di ognuno di noi.

C’è chi si rifugiava qui durante le mattinate nelle quali avrebbe dovuto essere a scuola, chi ha baciato qui la sua prima ragazza e che ci torna ancora, ogni volta che vuole starsene da solo, in pace con i propri pensieri oppure per bere una birra con l’amico di sempre, tra una chiacchiera e l’altra.

Si erge qui in tutta la sua bellezza il Castello Monforte, simbolo indiscusso della città, a ben 790 metri d’altezza. Da qui ci si ritrova di fronte ad un panorama bello come pochi, che sovrasta sull’intera città.

Ed ecco che tra una sigaretta ed una chiacchierata, un’altra giornata a zonzo per il Molise e le sue bellezze è passata.

E voi? avete intrapreso qualche particolare itinerario nel Molise del quale volete parlarci?

Tags: , , , , , , , , ,