Molisiamo

Il Molise che non ti aspetti

Ricette regionali del Molise e la famosa ‘mbaniccia

6 settembre, 2013 • Mangia e bevi

Recentemente, durante un interessante percorso gastronomico organizzato nel borgo molisano di San Massimo, ho avuto modo di assaggiare per la prima volta una delle ricette regionali più famose del Molise: la ‘mbaniccia.

Si tratta di un piatto molto conosciuto che, tuttavia, varia di zona in zona sia per quanto riguarda il nome che gli ingredienti, quindi mi limiterò a darvi la ricetta di quella che ho assaggiato personalmente, gentilmente concessami da zia Maria che ringrazio pubblicamente. :)

A San Massimo mi hanno spiegato che ne esistono due versioni, una invernale caratterizzata dall’aggiunta di verza ed una estiva, quella che ho assaggiato io e della quale potete vedere la foto qui sotto.

ricette-regionali-mbaniccia

Foto di Sara Carriero

La ‘mbaniccia è una delle ricette regionali che forse riscuotono ancora oggi un grandissimo successo, preparata un tempo solo dai ricchi, che potevano permettersi il pane e gli altri preziosi ingredienti.

Chi lavorava la terra doveva invece ripiegare, spesso e volentieri, su una versione un po’ più semplice, formata da pizza di granone cotta sotto la coppa (pizza di randin) mescolata e verdure campestri bollite, ottenendo la classica pizza e minestra. Se volete assaggiare la versione della ‘mbaniccia che ho provato io a San Massimo durante l’estate, annotate questa ricetta.

ingredienti-mbaniccia

Foto di Adelchi Pallotta

Ricette regionali – la ‘mbaniccia

- 3 kg di patate

- 4 barattoli di fagioli cannellini (o borlotti)

- 1,5 kg di pane raffermo

- un bicchiere di olio di oliva

- mezzo bicchiere di origano

- una cipolla

- foglie di sedano

- sale e pepe

Gli ingredienti riportati dovrebbero essere sufficienti per circa otto persone, quindi regolatevi un po’ con le dosi in base alle esigenze. Sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti piccoli, dopodiché versatele in una pentola bella grande unendo i fagioli, il sedano, la cipolla tagliata a pezzetti, l’origano, l’olio, il sale e se piace, anche una spolverata di pepe.

Ricoprite tutto con dell’acqua, superando tutti gli ingredienti di almeno 5 o 6 centimetri, mettete il coperchio e fate cuocere a fiamma media per un’oretta. Dopodiché assaggiate le patate: se sono cotte potete procedere con la preparazione, altrimenti fate cuocere il tutto ancora un po’.

preparazione-mbaniccia

Foto di Adelchi Pallotta

Una volta cotte dovete aggiungere poco alla volta il pane raffermo tagliato a tocchetti piccoli, mescolando in continuazione. Tutti gli ingredienti dovranno unirsi tra loro amalgamandosi, diventando tutt’uno, quindi se le patate e i fagioli tenderanno a rompersi non preoccupatevi, state procedendo bene.

La versione di zia Maria prevede anche una nota di colore tipicamente estiva, ovvero delle striscioline di peperone rosso fatto friggere in padella con dell’olio. Se questa aggiunta fa gola anche a voi, potete posizionate su ogni piatto di ‘mbaniccia qualche peperone rosso e parte dell’olio di cottura: darà al piatto un pizzico di sapore in più.

Se avete voglia di sperimentare una delle più buone ricette regionali del Molise, la ‘mbaniccia è davvero insuperabile. Si tratta di un piatto soggetto a molte varianti, che veniva preparato essenzialmente con quello che si aveva in casa, dal momento che prima non si buttava via niente. Scommetto che voi ne conoscete altre versioni, vero? 

Tags: , , , , ,