Molisiamo

Il Molise che non ti aspetti

Ricetta delle pastarelle, un dolce tipico della tradizione molisana

8 marzo, 2013 • Mangia e bevi

Quando si provvedeva a preparare in casa il pane, la pasta e tutto l’occorrente per creare i deliziosi piatti molisani della tradizione, si pensava anche alla realizzazione di dolci gustosi, ideali magari per la prima colazione. Uno di questi è rappresentato senza dubbio dalle pastarelle, dei biscotti molto soffici dalla forma rotonda, che venivano in genere gustati al mattino inzuppandoli nel latte.

Attualmente le trovate nei forni (a caro prezzo!) ma fortunatamente, grazie alle ricerche di mio padre, che come me ne va pazzo, e all’aiuto della mia amica Cristina, abbiamo scovato la ricetta originale. Se anche voi avete voglia di preparare in casa le deliziose pastarelle, ecco come fare.

ricetta-pastarelle-molisane

Ricetta delle pastarelle molisane

- 1 kg di farina 00

- 500 gr di zucchero

- 200 gr di strutto

- 30 gr di ammoniaca

- 10 uova

- 2 bustina di vanillina

- 250 ml di latte

- buccia di limone grattugiata

- un pizzico di sale

Con queste dosi di pastarelle ne vengono parecchie, quindi potete tranquillamente dimezzare tutto. Se avete un’impastatrice vi facilitate il lavoro e potete versare al suo interno tutti gli ingredienti, unendo prima ammoniaca, farina e zucchero, e poi tutto il resto.

Se invece come me l’impastatrice non ce l’avete, mescolate tutto a mano con un cucchiaio di legno e poi aiutatevi con uno sbattitore per eliminare i grumi. L’impasto deve essere liquido ma non troppo, diciamo molliccio.

impasto-pastarelle

Su una teglia ricoperta di carta forno, versate l’impasto un cucchiaio alla volta, non un cucchiaio da cucina (altrimenti vi verranno delle pastarelle grosse come pizze!) ma un cucchiaio medio, posizionando le palline ben distanti l’una dall’altra. Se avete dimestichezza potete anche usare un sac-à-poche. Spennellate con del latte e date una spolverata di zucchero alle vostre pastarelle.

Infornate a 180° con forno ventilato preriscaldato, posizionando la teglia al centro, oppure a 200° in forno non ventilato posizionando la teglia poco più in alto (regolatevi in base al forno che avete). La cottura durerà circa 10-15 minuti.

pastarelle-ricetta

Le pastarelle saranno pronte quando raggiungeranno la doratura e l’odore pungente dell’ammoniaca scomparirà del tutto una volta raffreddate. Oltre alla versione classica, potete aggiungere anche delle gocce di cioccolato o del cacao all’impasto, e realizzare così altre due golose versioni. Se invece non avete a disposizione dello strutto, potete usare in alternativa dell’olio di oliva o della margarina, nelle stesse quantità.

Ora non vi resta che godervi le pastarelle, alte e soffici, e rendere la vostra colazione ancora più golosa. Inzuppatele nel caffellatte e fatemi sapere cosa ve ne pare! ;)

Tags: , , , , , , , ,