Molisiamo

Il Molise che non ti aspetti

La ‘ndocciata di Agnone, un tradizionale e suggestivo rito del fuoco

26 novembre, 2012 • Eventi specialiTradizioni locali

Siamo quasi entrati nel periodo natalizio e sono tanti gli eventi e le tradizioni che si ripetono nel Molise, ormai da moltissimi anni. Una delle più spettacolari e suggestive è senza dubbio la celebre ‘ndocciata di Agnone della quale avrete sicuramente sentito parlare.

Si tratta di un evento che stupisce ed emoziona ogni anno i visitatori con turbinii di fiamme e scintille e che affascinò persino Papa Paolo Giovanni II, il quale l’accolse in Piazza San Pietro nel 1996 per condividerla con i romani e i numerosi pellegrini presenti.

ndocciata-agnoneORIGINE DELLA ‘NDOCCIATA

Vi starete probabilmente chiedendo il significato di questo nome particolare e dovete sapere che esso deriva da ‘ndoccia, un termine dialettale che sta ad indicare una torcia di grandi dimensioni. Contrariamente a quanto si possa pensare la ‘ndocciata non ha origini religiose bensì pagane, dal momento che è legata in maniera indissolubile al culto del fuoco e a tutta una serie di riti pagani, come il grande rito dedicato al Sole, fonte primaria di vita ed elemento purificatore.

SI tratta di un rito appartenente alla tradizione contadina e mentre le fiamme diffondevano nel buio della sera scintille e lampi luminosi, i contadini cercavano di trarne importanti segnali riguardanti i raccolti e le nuove annate, interpretando la direzione del vento, lo schioppettio delle torce ed altri elementi considerati all’epoca fondamentali.

agnone-ndocciata

Prendere parte alla ‘ndocciata era anche un metodo per fare colpo sulle ragazze del paese e gli innamorati dichiaravano il proprio amore alla donna prescelta, portando sotto la sua finestra una scintillante ‘ndoccia, di fronte alla quale la ragazza poteva rispondere affacciandosi, e dimostrando così il suo assenso al matrimonio, oppure gettando sulla fiamma un secchio d’acqua: chiarissimo rifiuto!

LA ‘NDOCCIATA OGGI

Oltre alla sera della Vigilia, la ‘ndocciata viene organizzata anche per la sera dell’8 dicembre, una data celebrata inizialmente solo in occasioni speciali e diventata poi fissa. Essa rappresenta un evento molto importante non solo per gli agnonesi, che hanno fatto in modo di valorizzare questa bella tradizione molisana e non farla mai spegnere nel corso degli anni, ma anche per tutti i molisani e i numerosi turisti provenienti anche da fuori regione.

agnone-ndocciata-di-natale

Io credo che non ci sia un modo migliore per celebrare l’8 dicembre e la Vigilia di Natale. Vedrete sfilare davanti a voi delle torce scintillanti, lunghe oltre tre metri, disposte a ventaglio e trasportate a spalla da uno o due portatori in abiti della tradizione contadina. I tronchi utilizzati per creare le varie ‘ndoccie derivano dall’abete bianco e vengono scelti esclusivamente tra quelli secchi o malati.

Pensate a che spettacolo di luci e fiamme vi ritroverete di fronte e a come i più piccoli resteranno ipnotizzati da questo suggestivo evento. I portatori delle varie ‘ndocce appartengono alle cinque contrade rurali di Agnone ed ogni anno si contendono il trofeo artistico dello ‘Ndocciatore.

ndocciata-agnone-natale

Anche quest’anno dal campanile di Sant’Antonio arriverà il segnale che consentirà l’accensione delle torce, dando inizio alla famosa ‘ndocciata e riversando tra le strade di Agnone un vero e proprio fiume di fuoco, che andrà ad emozionare i presenti, tra applausi, sguardi assorti e ricordi d’infanzia incancellabili. Inoltre verranno organizzate degustazioni di prodotti tipici, mercatini natalizi e canti gospel.

Io non voglio assolutamente perderla quest’anno e consiglio anche a voi di assistere ad una delle tradizioni natalizie più famose ed antiche che esistano in Molise. La ‘ndocciata di Agnone vi aspetta lungo il corso cittadino a partire dalle ore 18 circa.

L’evento si terrà l’8 dicembre e la sera della Vigilia, non perdetela! per info potete contattare la Pro Loco di Agnone allo 0865/77249.

Tags: , , , , , , , , , , ,