Molisiamo

Il Molise che non ti aspetti

Il presepe vivente di San Polo Matese tra fede e tradizione

17 dicembre, 2012 • Eventi specialiTradizioni locali

Il periodo natalizio si sa, porta con sé tutta una serie di rappresentazioni e decorazioni capaci di diffondere tra le strade le atmosfere tipiche di questo periodo dell’anno. Una tra le più amate nel territorio molisano è quella che si riferisce alla realizzazione del presepe vivente, una rappresentazione religiosa accompagnata spesso da musica, eventi e degustazioni gastronomiche.

Uno dei più famosi ed antichi in regione è senza dubbio il presepe vivente di San Polo Matese, un piccolo comune arroccato su un colle, ai piedi del Matese. Qui la realizzazione del presepe vivente è diventata una tradizione a tutti gli effetti, che si ripete quest’anno per la sua trentesima edizione. Ogni volta è sempre un gran successo e sono pochi i molisani che rinunciano a questo suggestivo appuntamento natalizio.

IL PRESEPE VIVENTE DI SAN POLO MATESE

Descrivere questo evento così particolare e suggestivo non è un’impresa facile, pertanto cercherò di spiegarvi al meglio le sensazioni che si provano passeggiando tra le strade del borgo, in questa particolare circostanza.

I vicoletti del centro storico si animano di suoni e voci, grazie alle diverse scene religiose e folcloristiche che oltre 150 comparse si impegnano a riprodurre. Vi colpiranno soprattutto gli abiti indossati dai vari attori, i quali vestiranno per l’occasione i costumi tipici della tradizione, provenienti dalla fascia matesina e dell’antica Palestina.

Gli abitanti del posto si impegnano molto per la buona riuscita dell’evento e provvedono in prima persona all’allestimento delle varie scenografie e al posizionamento dei diversi attrezzi. Molti di questi vengono prestati da collezionisti del posto, soprattutto per quanto riguarda quelli più antichi.

Per quanto riguarda i bellissimi costumi che vedrete, la maggior parte di essi vengono affittati presso Vincenzo Canzanella, uno dei costumisti più famosi di Napoli che lavora persino con la Rai, mentre per il resto vengono acquistati.

Le caratteristiche del borgo, rendono San Polo Matese particolarmente adatto a questo tipo di rappresentazione, con location e scorci di paesaggio che sembrano appartenere ad epoche lontane. I visitatori si lasciano coinvolgere ed appassionare dalle scene rappresentate, rese ancora più affascinanti dal particolare suono delle zampogne, diffuso in ogni angolo del paese.

PRESEPE VIVENTE 2016

Quest’anno il presepe vivente di San Polo Matese verrà articolato in tre diversi percorsi: il primo consiste in uno scenario realizzato in chiave prettamente storica e biblica, il secondo si articolerà nel borgo antico e riproporrà una storia meno recente del presepe con costumi folcloristici, mentre il terzo sarà basato su una cronistoria composta da video e fotografie, posizionata nella parte finale del paese.

Ricordate quindi le tradizionali date del 26 e del 27 dicembre, nelle quali sarà possibile visitare il presepe vivente di San Polo Matese 2016, più o meno dalle 17.00 sino alle 22.00.

Dopodiché la festa non è di certo finita! Si continua con frittelle, tè e vino gratis per tutti i visitatori. Una festa davvero preziosa per la nostra regione alla quale vi consiglio di partecipare, magari con tutta la famiglia.

Questi trent’anni del presepe vivente di San Polo Matese verranno raccontati inoltre, in un particolare volume che verrà recensito dal Vescovo Angelo Spina di Sulmona-Valva, ex parroco di San Polo Matese e creatore della manifestazione.

Vi aspettano tante emozioni e un gran divertimento! Se ci andate per la prima volta fateci sapere che impressione avete avuto e se ve la sentite di consigliare ad altri questa bella esperienza.

Tags: , , , , , , , , , ,